BONVI: NUOVO SINGOLO E FORMAT DIDATTICO SUL CANTO SU YOUTUBE

È uscito in digitale Everyday, il nuovo singolo di Marco “Bonvi” Bonvicini, quarto estratto dell’EP “The London Session” (2018) e successore di “We Live On Feat. Miele Rancido”.

Il folk pop-rock di Bonvi si tinge di ritmi funky in questo inedito, già in rotazione nelle radio dallo scorso 3 dicembre e ora disponibile come singolo su iTunes e tutte le principali piattaforme.

Ascolta Everyday su Spotify:

www.marcobonvicini.it

19 Gennaio 2019. Parte il nuovo Format Youtube condotto da Marco Bonvicini 

Ma le novità per Bonvi non si fermano qui. È in fase di partenza, infatti, un ciclo di lezioni gratuite di tecniche di canto e uso della voce scritto e condotto dal cantante e musicista bolognese.

Già insegnante di canto al Music Academy 2000 e allievo di canto Blues & Soul e Gospel del Rev. Lee Brown, Bonvi è specializzato anche in canto lirico e moderno ed è pronto a condurre un nuovo format didattico interattivo rivolto a tutti con teoria, esercitazioni pratiche, curiosità e tricks per trarre il meglio dalla propria voce.

Il titolo del format è “Come Cantare – Lezioni di Canto col Bonvi” inizierà il prossimo 19 gennaio e sarà costituito da mini lezioni di 3-5 minuti ciascuna con la possibilità di interagire con Bonvi per consigli, suggerimenti e video di risposta. Le prime lezioni verteranno su respirazione, attacco della voce, esercizi pratici di riscaldamento della voce, anatomia, per poi proseguire con lezioni più specifiche di canto, stile e tutto ciò che ruota intorno al mondo della musica.

Bonvi pubblicherà 1/2 lezioni al mese insieme ad altri contenuti redazionali di interesse musicale che verranno annunciati in seguito.

Partecipare al corso gratuito di canto di Bonvi è molto semplice: basta iscriversi al canale https://www.youtube.com/channel/UCobZEwd_9lA_CRoapwejHtA e ricevere le notifiche via email.

www.marcobonvicini.it
www.e-grapes.com

KLOGR: ECCO IL VIDEO DI LIKE A STONE, TRIBUTO A CHRIS CORNELL


 ” Con il progetto Klogr non abbiamo mai affrontato il discorso “cover” ma la morte di Chris Cornell mi ha lasciato un vuoto artistico immenso e l’esigenza di rivivere un brano così importate è stata forte. Questa cover è il nostro tributo ad un artista che ci ha cambiato la visione della musica.”   – Rusty KLOGR

Esce oggi il nuovo singolo/video dei KLOGR [si scrive KLOGR, si legge KEI LOG AR] Il titolo del brano è LIKE A STONE ed è un tributo a Chris Cornell, anti-eroe della Generazione X e Gen Y (Millenials), tragicamente scomparso l’anno scorso.LIKE A STONE è stata originariamente pubblicata dagli Audioslave nel 2002 ed è, ad oggi, uno dei singoli più conosciuti della band.  

Artwork del singolo e regia del video sono opera di Joba, ex bassista dei KLOGR. Operatori: Roberto Zampa e Otus. Produzione Zeta Factory.

Prodotto da Rusty and Federico Ascari 

Engineered @ Zeta Factory by Federico Ascari 

Mix & Mastering by Federico Ascari @ Wavemotion Recordings

  
La stagione live dei KLOGR riprende nel 2019. Ecco tutte le prime date confermate:

6 Febbraio – Ascoli Piceno – Break Live8 Febbraio – Rho – Rock’n’Roll9 Febbraio – Modena – La Tenda19 Febbraio Bochum, Germany, Zeche 
20 Febbraio, Hamburg, Germany, Markethalle 22 Febbraio Zurich, Switzerland, Komplex23 Febbraio Pinarella di Cervia, Italy, Rock Planet 24 Febbraio Saarbrucken, Germany, Garage 
www.klogr.net
https://www.facebook.com/klogr/

“Like A Stone”
(Chris Cornell)
Testo
On a cobweb afternoon,
In a room full of emptiness
By a freeway I confess
I was lost in the pages of a book full of death;
Reading how we’ll die alone.
And if we’re good we’ll lay to rest,
Anywhere we wanna go.

In your house I long to be;
Room by room patiently,
I’ll wait for you there like a stone.
I’ll wait for you there alone.

And on my deathbed I will pray to the gods and the angels,
Like a pagan to anyone who will take me to heaven;
To a place I recall, I was there so long ago.
The sky was bruised, the wine was bled, and there you led me on.

In your house I long to be;
Room by room, patiently,
I’ll wait for you there like a stone.
I’ll wait for you there alone, alone.

And on I read until the day was gone;
And I sat in regret of all the things I’ve done;
For all that I’ve blessed, and all that I’ve wronged.
In dreams until my death I will wander on.

In your house I long to be;
Room by room, patiently,
I’ll wait for you there like a stone.
I’ll wait for you there alone, alone.

VENA Sui Muri di Milano | Nuovo Video

Vena hanno pubblicato un nuovo videoclip, il secondo, dopo il singolo di esordio

La Grinta, tratto dall’EP Brucia Amore Brucia.

Il video, Sui Muri di Milanoè stato autoprodotto dagli stessi Vena insieme alla Teste D’Uovo Production di Roma.

Sui Muri di Milano è la storia di un amore metropolitano vissuto fra solitudine, fughe e rincorse di una metà-chimera che un po’ ossessiona e un po’ fa paura, ma di cui non ci si vuole liberare.

L’ispirazione cinematografica principale per il video di Sui Muri di Milano, girato interamente con luce naturale, è stata Requiem for a Dream, film capolavoro di Darren Aronofsky pertanto si è fatto largo uso di tecniche come split screentime lapses e di telecamere legate al corpo degli attori.

Guarda il video di Sui Muri di Milanohttp://youtu.be/8PzAky5XrX8

 

Sui Muri di Milano | Il Concept | La Regia | La Canzone

Teste d’Uovo Production è un gruppo di videomaker sperimentali, studenti di Master in Digital AudioVideo Editing dell’Università La Sapienza.
Si chiamano Francesco EramoFederica Palmer ed Edoardo Romagnoli.

La Trama. L’intera ambientazione del video è onirica: il protagonista si sveglia nel suo letto, è turbato dalla presenza di una ragazza che esiste e non esiste. Lui corre per la metropoli a metà fra il ricercarla e lo scappare da lei. La ragazza è la metafora della città che lo ingoia e lo trascina e pertanto assume diverse forme, fra cui alcune mistiche (vi è una citazione della Madonna degli Alberetti di Giovanni Bellini) ed altre più ambigue (la coppetta all’altezza del pube, i flash erotici sul tavolo). E’ una presenza inquieta e al tempo stesso vitale per il protagonista. Tutto il video è basato sul lasciare in sospeso lo spettatore: è sogno o è realtà?

Attori e ComparseDaniele Schisa, Marina Quadrani, Martina Ciabatti, Edoardo Romagnoli, Francesco Gori, Antonio Gori, Leone Santi.

La Canzone intende ricreare, con il suo ritmo drum ‘n’ bass e le sue improvvise sospensioni dubstep un amore metropolitano vissuto sullo sfondo di una Milano diversa, più periferica e oscura. Possono l’amore virtuoso e quello vizioso essere conciliabili? La risposta si trova scritta sui muri della città. “io sono romantico” è una sorta di disperata dichiarazione; comunque questo amore si manifesti, anche se può apparire esclusivamente carnale o addirittura perverso, esiste una purezza nascosta e profonda. La frenesia della città, al contempo benevola e colpevole, accompagna l’inquietudine vissuta dal protagonista. La scelta degli arrangiamenti è legata a doppio filo con il tema del testo: la dnb music, presente nei club della metropoli, scandisce con il suo ritmo serrato il tempo delle corse e delle ansie che percorrono la mente, la quale viene schiacciata dai wobble bass del violento inserto dubstep del ritornello, spezzando il tempo e prendendo a pugni l’ascoltatore.

La Regia: Sui Muri di Milano è una storia d’amore vissuta in città. Le città come luoghi di solitudine collettiva, luoghi di alienazione dove si legano in un rapporto inversamente proporzionale habitat e abitanti, dove la distanza umana fra gli individui aumenta al diminuire della distanza spaziale che li divide. L’amore non è più visto come elemento salvifico, non è la ricerca del “grembo materno” che teorizzava Adler, ma prende le sembianze di una forza eterea, un qualcosa da domare, se si vuole evitare il rischio di soccombere. Questa è stata la bussola che ha orientato tutto il lavoro di regia. La volontà non è stata quella di mettere in scena una storia cronologicamente compiuta e logicamente coerente, bensì quella di esaltare il ritmo, poggiando il montaggio sul tempo della musica. L’intento è quello di disorientare gli spettatori, permettendo loro di poter entrare nel mood della canzone dei Vena, di suggerire attraverso la ciclicità delle immagini e la costruzione di piccoli quadri, alcuni elementi di storia, lasciando la loro declinazione a chi guarda.

Guarda Sui Muri di Milano anche su Vimeo

 

VENA
Management & Booking DMB Music
Ufficio Stampa e-grapes promotion
Etichetta Zeta Factory

KLOGR, Draw Closer | NUOVO VIDEO

Klogr hanno pubblicato un nuovo videoclip, tratto dall’album Black Snow.

Il video, Draw Closerè stato prodotto dalla italiana Flush Design ed è il primo singolo estratto dall’album, che vedrà la luce l’11 di Marzo.

Klogr stanno per affrontare un mini tour italiano per promuovere l’album, che partirà questo venerdì, 7 febbraio, dal Rock ‘N’ Roll di Rho e vedrà l’alternative rock band impegnata in 4 concerti a Cremona, Modena e Reggio Emilia. Dopo di che il combo modenese partirà per un Tour Europeo di 23 date insieme alle icone del metal alternativo targato USA, Prong.

Ecco il video di Draw Closer:  http://youtu.be/6RmDD3b3Mgo

www.klogr.net

(Fonte: Ufficio Stampa e-grapes promotion)

KLOGR: rivelati titolo e copertina del nuovo album

KLOGR hanno rivelato artwork e titolo per il loro prossimo album, secondo studio album full lenght dell’alternative metal band, che sarà in tour con i Prong la prossima primavera.
Il titolo sarà “BLACK SNOW“, neve nera.
 
“L’uomo è riuscito a contaminare ogni cosa e non sempre la sua contaminazione è stata positiva, anzi” spiega Rusty, frontman della band “ciò che doveva essere un’evoluzione, si sta rivelando una contaminazione ambientale e intellettuale versa all’autodistruzione”.
 
La copertina e tutto il concept dell’artwork di Black Snow è opera di Flush Design.
 
 

VENA: in release “Brucia Amore Brucia” e “La Grinta”. Guarda il video (Dysfunction/Zeta Factory)

 

VENA: IN RELEASE ‘BRUCIA AMORE BRUCIA’ E IL SINGOLO ‘LA GRINTA’
  Si affacciano sulla scena cantautorale italiana con un sound fresco ed elettronico, danzereccio.
Sono piemontesi come i Subsonica. Sono giovani come i One Direction, ma fra le loro influenze citano Battiato insieme a Justice, Afterhours, Pendulum, Cyberpunkers, Nerve, Bluvertigo, Skream, Chemical Brothers, Baustelle, The Knife.
I VENA escono oggi con LA GRINTA, primo singolo tratto dall’EP ‘BRUCIA AMORE BRUCIA’, disponibile su iTunes, sotto etichetta Dysfunction Recording/Zeta Factory.
  
VENA nascono nel 2010 come alternative rock band italiana, per abbracciare, un anno dopo, la svolta elettronica, forse dettata dalle influenze scandinave del batterista, allora studente di Conservatorio in Danimarca.
 
 
   
Il giovane combo di Novara ci regala oggi, con “BRUCIA AMORE BRUCIA” un EP moderno, in cui si fonde l’accurata ricerca testuale, dal sapore “bertolucciano”, neo-esistenzialista, a ritmi e metriche da nuova ossessione.  
   
 
 
Poesia e discoteca. Estetismo e delicata violenza. Amore e ricerca di verità attraverso le crepe decadenti di una città in particolare, Milano, a cui i VENA dedicano più di un verso. 

Citano il regista Pietrangeli di “Io la conoscevo bene” nel video di “LA GRINTA“, dal gusto pop e quasi pubblicitario nel suo linguaggio:
un gruppo di ragazze, presumibilmente studentesse universitarie, si preparano per una serata cercando piaceri, conferme e risposte. Stordimento, distorsione. Dramma. 
La poetica dei VENA offre uno sguardo indulgente, anche se crudo, sulla bellezza di una generazione in cui vanità e amore sembrano in qualche modo incontrarsi anziché essere in conflitto fra loro.

Ecco il video di “LA GRINTA” (regia e montaggio The dogs production): http://youtu.be/ff7or5xWV10


BRUCIA AMORE BRUCIA” EP – TRACKLIST

Immagine in linea 1

1. La Grinta
2. Sui Muri di Milano
3. Brucia Amore Brucia
4. Il Cielo In Discoteca
5. Canzone Per Una Modella
6. La Grinta – Radio Edit
 
 
BRUCIA AMORE BRUCIA EP è disponibile da oggi negli iTunes digital stores. 
Eccone un assaggio: http://youtu.be/MmVY2wNJm0M.


VENA

 

 
 
  
 
 VENA  –  BIOGRAFIA
  
 
 I Vena, giovane formazione neo-elettropop cantautorale di Novara si formano nel 2010. Quattro elementi nati fra il 1989 e il 1991 e con un background eterogeneo: Riccardo Milo, voce del gruppo, studia canto con Lena Biolcati (2007) e supera alcune fasi nelle selezioni di X Factor; Giulio Tosatti, batterista ed elettroprogrammatore collabora con l’Orchestra Giuseppe Verdi di Milano, con l’orchestra dello Stage Entertainment al Teatro Nazionale di Milano per i musical “La Bella e la Bestia” e “Sister Act” (2012), è coordinatore dei percussionisti della Brass Band del Musikkonservatorium di Aarhus, in Danimarca, dove, fra altre esperienze, studia presso il Danish Institute of Electronic Music, sotto gli auspici della Royal Academy of Music di Aarhus, sperimentando le più sofisticate creazioni e strumentazioni elettroniche. Nel 2010 suona con Drum on the Stones e Dj Boosta dei Subsonica. Giacomo Baroni, chitarrista, proviene invece dal power metal: tre anni (2007-2010) come chitarrista e compositore nei Saintsinner, raccogliendo gli elogi della critica di settore. Infine Giacomo Bassano, bassista, ex Texas Blues Rider (2008 – 2011), vincitore del premio come miglior bassista all'”Emergenza Festival” del 2012.
Nel luglio 2010 i Vena autoproducono “Cosa Resta in Me”, 6 brani inediti in italiano, che mixano alternative rock, funky e punk. Dopo una pausa di quasi un anno dovuta al soggiorno danese di Giulio, trovano una nuova strada: la nuova ondata elettronica proveniente dal nord fa evolvere ed arricchisce il sound della band. I Vena scrivono testi ricercati e registrano nuovi brani esplosivi, che usciranno nell’ottobre 2013 con l’EP “Brucia Amore Brucia”sotto la buona stella dell’etichetta indipendente Dysfunction Recording e della Zeta Factory (Rezophonic, Klogr, Design, Artemista). Nel 2013 esce anche il primo videoclip dei Vena: “La Grinta” diretto e montato da The Dogs Production.


DUBBY DUB: GLI EFFETTI TRAVOLGENTI DELL’AMORE SPIEGATI IN MENO DI TRE MINUTI (DI VIDEOCLIP)

A pochi mesi da Sorry, no dub!, album uscito la scorsa primavera con Alka /Ammonia, ecco in arrivo il videoclip diLOVE KILLS” dei DUBBY DUB.

Il video, diretto, montato e post-prodotto da Alex Mantovani di Pseudo Toon Lab (casa di produzione fondata nel 1995 e specializzata in cartoons con cui i Dubby Dub avevano già collaborato per il precedente Do it or let me go) è stato girato nel ferrarese presso il Voodoo Arci Club.  
 

 
 
Protagonista la band: tre chitarristi e un batterista. Total look bianco su sfondo nero e cuori rossi i quali, questi ultimi, sono prima elettricamente accesi dai tentacoli di una spaventosa piovra-Cupido (la troviamo anche sulla copertina dell’album) e nell’ordine pulsano, appaiono, scompaiono, inducono nei musicisti espressioni e movenze da manicomio, per venire poi strappati, calpestati e infine raccolti. 
Una rapidissima e ironica carrellata sugli aspetti travolgenti del Sentimento per eccellenza. Il tutto in 2 minuti e 53 di esplosivo stoner rock.

altre news sui Dubby Dub: http://www.e-grapes.com/?p=982

THE THEATRE: al via una nuova stagione di eventi e concerti

THE THEATRE CLUB
in via Sesia 10, Rozzano – MI

venerdì 21 settembre
INAUGURAZIONE: MASQUERADE NIGHT
Riprende in grande stile la proposta di eventi e concerti del The Theatre Live Club di Rozzano, Milano, inaugurando, venerdì 21 settembre, con “Masquerade Night”, avvenimento musicale e mondano di ispirazione teatrale/carnevalesca che dà il via agli appuntamenti settimanali di Black Circus, consolidata realtà dark wave/gothic rock di Milano.
Dalle 22:00 alle 5:00, in collaborazione con Darkitalia.it, i concerti di MT4M e Rublood, spettacoli di giocolieri e mangiafuoco, set video-fotografici, l’ironica mostra “Circus Toys 2.0”, live performance di Kirigami, DJ set (Orkus, Black Ossian, Virus) con selezione musicale dal post punk al futurepop, al gothic rock. 
  
L’ingresso è gratuito per tutti sino alla mezzanotte e anche per il resto della notte, per chi si presenterà in maschera. 
Tessera annuale ACSI (3,50 euro) obbligatoria.

Ogni venerdì: Black Circus
La serata Black Circus si ripeterà con eventi a tema (dallo Steampunk e le sue citazioni cinematografiche-letterarie, alla Horror Night, passando per l’omaggio alla cultura nipponica della Japan Night) e concerti. Segnaliamo: Clan of Xymox, storica formazione olandese, caposaldo della darkwave/gothic rock dal 1983 (12 ottobre); da Helsinki i Vanity Beach capitanati dal frontman Jonas Karsten (16 Novembre + Design); Rosa Crux (23 novembre), l’EBM producer di Amburgo Faderhead (21 dicembre), Centrum (5 aprile).
sabato 22 settembre
INAUGURAZIONE DEL ROCK CIRCUS
Questa settimana si inaugura anche l’appuntamento fisso con Rock Circus, il sabato del The Theatre all’insegna di hard & heavy, metal e alternative rock: concerto degli emiliani Rain, preceduti dai power metallers From the depth e dai Raising Fear. A seguire DJ set. Nel corso dell’evento, mostra The Hard Rock Side of Fantasy dell’illustratore Gaetano di Falco, autore di numerose copertine di album rock (L.A. Guns, House of Lords, Timo Tolkki).
Dalle ore 22 – ingresso gratuito (Tessera ACSI obbligatoria)
Tessera annuale ACSI (3,50 euro) obbligatoria.

Ogni sabato: Rock Circus
La serata Rock Circus si ripeterà, come sempre, ogni sabato, con eventi speciali, festival e concerti.
Segnaliamo: Pino Scotto (29 settembre)In Folk Noctis – Festival Neofolk con Derniere Volonte (6 ottobre), i francesi Shoot the girl first (10 ottobre), Texas in July, metalcore da Ephrata, Pennsylvania (22 dicembre).
Ogni giovedì: Theatre of Rock e Officine Alchemiche

Il giovedì sera, in prima serata, incontri con autori emergenti e noti organizzati da Officine Alchemiche con degustazione di vini e buffet. A seguire concerti di band emergenti.

Ogni domenica: aperitivo e concerti
La domenica del The Theatre comincia alle 19 e prosegue sino a mezzanotte con aperitivi, concerti di band femminili e Dj set.

I corsi del The Theatre
Sono aperte le prenotazioni per iscriversi ai corsi di Fonico/tecnico del suonoBurlesqueMangiafuoco e Trucco teatrale/effetti speciali che si terranno presso il The Theatre.
per info: scrivere a info@thetheatre.it
Informazioni: The Theatre, Via Sesia 10, Rozzano – MI / Direzione artistica: Red Black Circus Tel. 340.520.95.75 Contatto Fb

DESIGN: esce il 4 settembre ‘Technicolor Noise’ (Zeta Factory/Venus)


Sarà in vendita nei negozi di dischi e online a partire dal 4 Settembre 2012 TECHNICOLOR NOISE, primo studio album dei DESIGN (il precedente EP 4 LITTLE HANGED TOYS era uscito con l’inglese Casket Music nel 2009). 

12 tracce da ascoltare tutte d’un fiato, il nuovo lavoro del prolifico combo di Castelfidardo, Ancona, di cui abbiamo avuto modo di ascoltare, in questi mesi, il primo singolo (Turn off the) sun e una cover trip hop/industrial della celeberrima Pale Blue Eyes (NREC vs DESIGN, originale dei Velvet Underground), in free download su Soundcloud: http://soundcloud.com/designrockband/nrec-daniele-strappato-design . 

Numerose le collaborazioni/digressioni elettroniche (dal nuovo album, stanno già circolando, in modo del tutto legittimo e sempre scaricabili gratuitamente da Soundcloud, interessanti rivisitazioni di (Turn off the) sun (remixato da KMfromMYills) e Fail Better (ribattezzata Glitch Better nella versione remixata da NREC) spostando i limiti dell’alternative rock verso dimensioni sempre più digitalizzate.

Le coordinate sonore di Technicolor Noise(titolo che vuole suggerire l’amalgama pop-violento dell’album, più che fare riferimento ai testi i quali, invece, narrano di crisi di identità, incubi, vicoli ciechi) guardano a maestri indiscussi del rock moderno (Muse, A Perfect Circle, Deftones, Nine Inch Nails) riprendendo, forse inconsapevolmente, il percorso iniziato, in Italia, da band come i Timecut. Parliamo di un pop/rock di stampo americano con atmosfere new wave, inserti di elettronica industrial e post-core.

Technicolor Noise registrato, prodotto e mixato da Enrico Tiberi (The Shell Collector, Brain, Resurrecturis) e Stefano Wosz presso il Lullaby Recording Studio, uscirà con l’etichetta modenese Zeta Factory (Rezophonic, Klogr, Artemista, Lena’s Baedream) distribuito da Venus e accompagnato dal secondo singolo e videoclip ‘O.P.O.V.’, in uscita il 2 settembre, accompagnato da due remix (in free download su Soundcloud e gratuiti su iTunes con l’acquisto del singolo).

Artwork realizzato da Daniele “Dex” Tedeschi.

DESIGN Technicolor Noise (Zeta Factory/Venus 2012)

TRACKLIST:

1 THINKING PEOPLE
2 (TURN OFF THE) SUN
3 FAIL BETTER
4 O.P.O.V.
5 SONG FOR DREAMERS
6 HANK
7 PAINTER
8 INTRODUCING MYSELF
9 STRAIGHT AT YOU
10 EMPTY ROOMS
11 SILENT MOVIE
12 ROCK AND ROLL ANTHEM

 

———————————————————————————————————————————————————–


UFFICIO STAMPA: 
e-grapes promotion tel. 393.83.56.555 press@e-grapes.com www.e-grapes.com


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nasce E-Grapes: ufficio stampa e progetto multimediale

News su Metallus

Dopo quasi quattro anni in Valery Records come responsabile di promozione e ufficio stampa, Erika “Grapes” Conti ha dato vita ad e-grapes, una nuova ed eclettica realtà che coinvolgerà a vari livelli la scena nazionale (e non solo) del rock (e non solo):

E-grapes è innanzitutto un Ufficio Stampa operativo nell’industria musicale a livello indipendente, che si rivolge a musicisti, etichette, società di management, ma anche a clubs, agenzie di booking, band in tour e artisti in genere.
E-grapes lavora a stretto contatto con addetti ai lavori di varia provenienza (musica, arte, design, comunicazione, organizzazione di eventi) per affrontare da angolazioni diverse e con un approccio al contempo professionale e creativo le problematiche di marketing e visibilità di artisti e prodotti discografici.

 

 E-grapes è anche un progetto artistico multimediale: E-Grapes  è la protagonista di un fumetto, illustrato dalla disegnatrice Francesca Follini e di un esperimento musicale internazionale, di cui si parlerà nei prossimi mesi.

 

 

 

 

(e-Grapes @ Evolution/Radio Lupo Solitario)